Parodontologia

Che cos’è la parodontosi?


La malattia parodontale o la parodontosi è un’infezione cronica delle gengive e delle strutture di sostegno dei denti, del legamento parodontale e dell’osso alveolare. È causata da batteri che vivono sulla patina appiccicosa sulla superficie dei denti, sul biofilm. Comincia come un’infiammazione leggera delle gengive e se non viene individuata e trattata nella fase iniziale si diffonde agli strati profondi dove causa una distruzione completa del tessuto e di conseguenza la perdita dell’osso e del dente. È importante sottolineare che la malattia parodontale avanzata aumenta il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari, l’artrite e malattie renali croniche.

Prikaz razvoja parodontoze

Chi può essere colpito dalla parodontosi?

Ognuno, ma ci sono numerosi fattori che aumentano le possibilità d’insorgenza di questa malattia. Accanto all’infezione cronica hanno un impatto negativo: accumuli di tartaro e di placca, il fumo di sigaretta, fluttuazioni ormonali durante la gravidanza o l’adolescenza, il digrignamento e il serramento dei denti durante la notte, contatti traumatici tra la mascella superiore e quella inferiore, alcuni farmaci, un’alimentazione pessima, malattie sistemiche come, p.es., la diabete.

Quali sono i sintomi della parodontosi?

I primi segni sono il sanguinamento delle gengive durante lo spazzolamento dei denti, le gengive gonfie, dolenti e arrossate. Questi segni indicano una fase iniziale d’infiammazione delle gengive (gengivite). Quando questo stato persiste, l’infiammazione finisce per estendersi agli strati più profondi causando la perdita dell’osso e denti vacillanti.

Fate attenzione ai segni della malattia parodontale – sanguinamento gengivale, gengive rosse e gonfie, alito cattivo (alitosi), denti mobili

Come possiamo prevenire la parodontosi?

Un’igiene orale accurata, l’igiene domiciliare e visite periodiche dal dentista hanno il ruolo più importante nella prevenzione.

Come curare la malattia parodontale?

A dipendere dallo stadio della malattia parodontale, i trattamenti possono essere diversi. Nella parodontologia moderna prevale la terapia conservativa, non chirurgica, nel controllo della malattia. Di solito si parte da una pulizia professionale accurata. Il nostro scopo è la riduzione della flora batterica e per questo rimuoviamo gli accumuli di tartaro il quale è poroso e accumula il film batterico. Poi si passa all’antisettico e ai liquidi risciacquanti.


C’è anche la possibilità di usare la terapia antibiotica mirata, la pulizia profonda e la levigatura delle radici il che ci permette di rimuovere il tessuto infiammato circostante al dente e di creare le condizioni necessarie per la guarigione delle gengive che si trovano vicino alla radice.
Una parte del tessuto osseo e molle perso si può recuperare con tecniche rigenerative, con la tecnica guidata di rigenerazione ossea (GBR) e tissutale (GTR). Come materiali rigenerativi usiamo sostituti ossei sintetici e membrane di collagene che rendono possibile il processo di guarigione e la creazione di nuovi tessuti. Lo scopo della procedura e di eliminare l‘infiammazione, di diminuire la profondità delle tasche ossee, di ricuperare una parte del tessuto perso e con controlli regolari, di mantenerlo in condizioni sane.